• 09/02/18 News, Eventi #

    ROSSO SOLFERINO primo studio

     

    ROSSO SOLFERINO

    di quando la terra si tinse del sangue di quarantamila e più giovani soldati

    e di come le donne di Castiglione non fecero distinzioni nel porgere acqua, bende e brodo.

    dal 16 al 18 febbraio 2018  ROSSO SOLFERINO primo studio – assolo corale

    di e con Sandra Cavallini e con la partecipazione del Coro Farthan diretto da Elide Melchioni (sabato 17 febbraio)

    dal 16  al  18  febbraio  2018

    venerdì ore 21  –  sabato ore 10 e ore 19  –  domenica ore 17

    presso

    “Officina Teatrale de’Maicontenti”
    via S. Tommaso del Mercato 1/D Bologna
    (da via Indipendenza, prendere via Marsala, poi girare a sinistra per via Malcontenti
    e  percorrerla fino a circa metà, fino a trovare sulla destra la via S. Tommaso del Mercato, chiusa dal traffico da una sbarra)

    https://www.facebook.com/events/182331142527547/
    http://www.officinateatraledeimaicontenti.it

    entrata a offerta libera

     

    è meglio prenotare, la sala ha pochi posti :
    associazione.saleblu@gmail.com
    info: Sandra 348 4450843 – Alessandra 3464769954

  • 23/01/18 News, Eventi

    La BANALITà del MALE

    da EICHMANN IN JERUSALEM:
    A REPORT ON THE BANALITY OF EVIL di HANNAH ARENDT
    “Rapporto su LA BANALITà DEL MALE” con Sandra Cavallini

    ideazione di Paola Bigatto
    riduzione scenica di Paola Bigatto e Sandra Cavallini

    Lezione – Spettacolo che si appoggia sui passi fondamentali de LA BANALITA’ DEL MALE di Hannah Arendt, fra le più lucide menti della filosofia mondiale del secolo scorso.

    24 e 25 Gennaio 2018
    Istituto di Istruzione Superiore del Cossatese e Valle Strona – BI

    26 Gennaio 2018
    Liceo Casiraghi Cinisello Balsamo – MI

    2 Febbraio 2018
    Istituto Alberghiero Casalecchio di Reno – BO

    5 – 6 – 7 Febbraio 2018
    Liceo Copernico Bologna – presso Graf San Donato Piazza Spadolini, 3 Bologna

    16 Aprile 2018
    Istituto Di Istruzione Superiore Don Milani Di Montichiari (BS)

    Il senso politico, sociale e didattico dell’adattamento teatrale è costituito sia dai contenuti storici e filosofici a cui si fa riferimento (gli stadi del criminale piano nazista, la progressiva scansione delle leggi razziali, l’insorgere del conflitto mondiale, il processo in Gerusalemme), sia dalla consapevolezza che la capacità di giudizio che ci distoglie dal commettere il male non deriva da una particolare cultura ma dalla capacità di pensare. Dove questa capacità è assente, là si trova la banalità del male.

    “ […] Eichmann non capì mai quello che stava facendo. E non era uno stupido, era semplicemente senza idee, una cosa molto diversa dalla stupidità. E proprio quella mancanza di idee lo predisponeva a diventare uno dei maggiori criminali del suo tempo, perché la mancanza di idee, la lontananza dalla realtà, possono essere molto più pericolose di tutti quegli istinti malvagi che si crede siano innati nell’uomo. È stata questa la lezione del processo di Gerusalemme.” (La banalità del male – Hannah Arendt)

    “Rapporto su la BANALITÁ DEL MALE, con Sandra Cavallini, porta in scena l’amara e lucida riflessione della Arendt a partire dalle vicende storico politiche e di cronaca processuale: rifacendosi al titolo originale dell’opera, evoca e privilegia una dimensione di condivisa prima stesura ad alta voce, di quel resoconto-reportage del processo ad Eichmann in Gerusalemme, che divenne poi il noto saggio. “Nel tentativo di ripercorrere le tappe che man mano esclusero gli ebrei dal vivere comune, l’inviata di un giornale americano cammina sul filo sottile che separa la razionalità (fatti, numeri) dall’incomprensibile. Sandra Cavallini dona al personaggio la quotidianità di una donna vera e il suo turbamento, che trasmette a chi la ascolta.”
    GIORNALE DI BRESCIA Paola Carmignani

  • 12/01/18 News, Eventi

    commedia dell’arte day 2018

    “Il peregrino amante”
    ovvero del principe di Val Scura e di altri cavalieri
    e di quando Pulcinella perse ‘a capa e ‘a coda
    e ritrovò li diamanti in fondo al mare.

    lunedì 26 febbraio 2018 0re 20,30

    presso Graf San Donato – piazza Spadolini, 3 Bologna

    https://www.commediadellarteday.org/eventiDetail.asp?id=12&lin=eng

    il peregrino amante

    con Francesca D’Alessandro, Antonio Di Pumpo, Hamed Fofana, Daniela Fortuna, Edoardo Gargiulo, Francesca Giuliani, Giancarlo Gregori, Valentina Neri, Sergio Pajetti, Piera Sanna, Jonathan Sparano, Angelo Viglioglia.

    a cura di Sandra Cavallini

    liberamente ispirato agli Scenari di Casamarciano

  • 11/10/17 News, Eventi

    Attori per caso o per necessità

    Attori per caso o per necessità: nuovo viaggio interdisciplinare tra conoscenza di sé e gioco attoriale

    con Pizzonia Enea, Cavallini Sandra

    1. Rimuovere inibizioni e acquisire più consapevolezza di te stessa/o 2. Riappropriarti di stati d’animo desiderati 3. Sperimentare benefici per la salute di mente e corpo 4. Acquisire competenze per il miglioramento personale e interpersonale 5. Favorire empatia e assertivita’ nelle relazioni interpersonali METODOLOGIA Esercizi, giochi d’aula, teoria, tecniche psicoumoristiche, attivazioni per influire in maniera proattiva su stati d’animo e relazioni, “commoltiplicazione” dell’esperienza di ciascun partecipante. ARGOMENTI 1. Esercizi di naturalezza 2. No problem! uno slogan o una sincerita’? 3. Il tempo dell’attesa nel momento creativo 4. Sospensione del giudizio 5. Bloccare e accettare 6. Condurre e lasciarsi condurre 7. Attingere dalle emozioni per volare con la fantasia 8. Empatia, lo specchio sensibile 9. Palcoscenico interiore e condivisioni 10. Autoironia, lo specchio buffo.

    dal 07/10/2017 il sabato mattina , 10 incontri

    università PRIMO LEVI Bologna

    Via Azzogardino, 20/b
    40122 Bologna (BO)

    051-249868 051-240644

  • 11/10/17 News, Eventi

    “SIPARIO: la parte fragile di sé”

    “SIPARIO: la parte fragile di sé”
    con Sandra Cavallini
    Dagli archetipi della comicità alla sospensione del giudizio e all’autoironia
    fino alla maschera comica, un artificio per svelare.  [CAMBIO BINARIO – Cotignola da ottobre a dicembre 2017]

  • 27/09/17 News, Eventi # ,

    Laboratorio Comico Permanente – autunno 2017

    Laboratorio Comico Permanente – autunno 2017
    dalla Commedia dell’Arte al Comico Contemporaneo
    a cura di Sandra Cavallini

    … per chi si muove e non è mai tutto d’un pezzo, per chi sa che in un silenzio ci sta tutta una storia …

    Laboratorio teatrale per partiture vocali, gestuali e del profondo.
    Nel piacere e nella sospensione del giudizio,
    dall’azione al personaggio.

    dal 2 ottobre 2017 tutti i lunedì dalle 19,30 alle 22,30
    presso Graf San Donato – Piazza Spadolini, 3 – Bologna

    autunno 2017:  Sipario, la parte fragile di sé.
    Sospensione del giudizio – Archetipi della comicità – Geografia dei sentimenti – “Specchio delle mie brame …” un dialogo tutto da riscrivere! Umorismo e aggressività – Provocare è più facile che far ridere – Maschera Comica, un artificio per svelare.

    maschere di Giorgio De Marchi e Antonio Fava
    info: laboratoriocomico.club22@gmail.com – telef 348.4450843
    http://sandracavallini.it/laboratorio-comico-permanente/

  • 27/09/17 News, Eventi # ,

    “SCARPE SCARPE SCARPE” commedia in maschera

    “SCARPE SCARPE SCARPE” commedia in maschera a cura del Laboratorio Comico Permanente

    domenica 1 ottobre 2017 ore 18 presso Mercato Sonato via Tartini, 3 Bologna

    venerdì 22 settembre 2017 ore 21 presso Graf San Donato piazza Spadolini, 3 Bologna

    vi aspettiamo in ciabattine o stivaloni …
    OGNI PIEDE HA LA SUA CALZATA e OGNI SCARPA UNA CAMMINATA,
    contadino scarpe grosse cervello fino, cittadino scarpe strette e capo chino
    e CHI DI SCARPA FERISCE DI CALLO PERISCE

    SCARPE SCARPE SCARPE
    con Emanuela Di Vita, Hamed Fofana, Daniela Fortuna, Rosa Galante, Edoardo Gargiulo, Edoardo Pitrè, Piera Sanna, Angelo Viglioglia. a cura di Sandra Cavallini foto di Gioia Nuzzo
    maschere di Giorgio De Marchi e Antonio Fava

    SCARPE SCARPE SCARPE è stato inserito nella GIORNATA MONDIALE DELLA COMMEDIA DELL’ARTE – COMMEDIA DELL’ARTE DAY 2017 VIII edizione

    http://sandracavallini.it/laboratorio-comico-permanente/

    Canovaccio dall’intreccio a quadri, farsesco, alla maniera dagli Scenari di Casamarciano. In scena le figure in maschera del vecchio e della vecchia, del servo e delle serve, del ciarlatano e degli amorosi. L’attitudine verbale e gestuale si rifà alle regioni di Calabria, Campania, Abruzzo, Basilicata, Puglia e Sardegna, più voce e corpo dalla Costa d’Avorio.

  • 02/05/17 News, Eventi

    TRE DI DUE, ovvero quelle che decisero di cooperare

    TRE DI DUE assolo, amoroso, composte e comico

    a proposito delle prime esperienze di mutuo soccorso e associazionismo di fine ‘800

    con salto anacronistico all’attualità

     

  • 01/04/17 News, Eventi

    TRE di DUE – assolo composto e comico

     TRE DI DUE, ovvero quelle che decisero di cooperare

    assolo composto e comico con Sandra Cavallini

    tra narrazione agita, scansione storica, personaggi-testimoni

    22 Aprile 2017  ore 21

    Auditorium Spazio Binario
    Piazza G. di Vittorio – Zola Predosa (BO)
    – piano terra del palazzo comunale –

    corriere rid 1

    ha dato un’occhiata Tullio Solenghi, comico
    ha dato una mano Delfina Tromboni, storica
    ha dato due note al violino Raffaella Pirozz

    Interpretazione intensa, contesto minimale, un viaggio tra contemporaneo e storia recente. Protagonista sul palco Sandra Cavallini, tanta energia, sottili uniche personalissime modulazioni di voce, movimento. Ogni attimo accende il volto di vibrazioni nuove che rendono più intensi i contrasti tra luci e ombre su un palcoscenico che non c’è. Non c’è più perché scompare e si annulla quando al centro ci sono le emozioni e la storia delle persone. Una messa in scena colta e ironica, il racconto di chi lotta contro ogni omologazione. Il teatro è quello della vita e della storia. E Sandra ha portato in scena veramente una sua personale, lunga ricerca, condotta sul piano esistenziale oltreché artistico. Per questo un lungo, sottile filo emozionale cattura il pubblico e un pezzo di storia vera con energia e freschezza interpretativa. Così si celebra la storia e la libertà costruita dalle donne. Barbara Scacchetti

NO NEWER ENTRIES